Grecia: sanzione amministrativa a un fornitore di servizi telefonici

L’Autorità ellenica ha imposto una sanzione di 200.000 euro per violazione dell’Articolo 25 (data protection by design) e dell’Articolo 5(1) (principio di accuratezza) al fornitore di servizi telefonici ‘OTE’, perché nonostante alcuni clienti si fossero iscritti al registro delle opposizioni, ricevevano chiamate non richieste da compagnie terze per la promozione di prodotti e servizi.

Inoltre, per via di un malfunzionamento del link “Unsubscribe”, circa 8000 persone non avevano potuto esercitare il proprio diritto di opposizione, ragione per la quale il Garante ha imposto una ulteriore sanzione di 200.000 euro. 

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Vuoi ricevere la newsletter informativa dello studio legale Stefanelli&Stefanelli?