Belgio: multa di € 10.000 per uso sproporzionato della carta d’identità elettronica in cambio di una carta fedeltà

L’Autorità belga ha imposto una sanzione di € 10.000 a un commerciante che aveva richiesto la lettura della carta d’identità elettronica come unico mezzo per l’emissione di una carta fedeltà. Il documento di identità infatti contiene dati in misura molto maggiore rispetto a quelli necessari per la creazione della carta, e il loro trattamento risulterebbe sproporzionato rispetto al fine. Si tratta quindi di una violazione del principio di minimizzazione, e dell’assenza di un consenso valido, in quanto l’utente non aveva una reale alternativa. Infatti, gli utenti che non avessero voluto utilizzare a questo scopo la propria carta d’identità, non avrebbero avuto accesso agli sconti dedicati ai clienti in possesso di fidelity card.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Vuoi ricevere la newsletter informativa dello studio legale Stefanelli&Stefanelli?