Dati relativi alla salute: cosa sono e come si calcolano le sanzioni. L’indirizzo della Cassazione

Per la Corte di Cassazione la telefonata di un’infermiera, fatta alla persona sbagliata, che indica il nome del reparto di Ginecologia e la necessità di una terapia (non specificata) rivela dati sanitari. Ma quanto è “grave”, in concreto, questa violazione?

La Suprema Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 28417 emanata lo scorso 11 ottobre stabilisce il principio di cui sopra, sentenza è interessante per due motivi:

  1. in primo luogo, perché stabilisce un principio di diritto circa la nozione di “dati relativi alla salute” che non possiamo non tenere in considerazione;
  2. in secondo luogo (e questo è sicuramente l’aspetto più interessante) perché la Cassazione dà indicazioni precise su come calcolare la sanzione, evidenziando – neanche troppo tra le righe – che non tutte le violazioni di dati relativi alla salute sono uguali.

Abbiamo commentato questa sentenza nell’articolo pubblicato su CYBERSECURITY360

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Silvia Stefanelli è avvocato cassazionista, fondatore e co-titolare dello Studio Legale Stefanelli&Stefanelli. Esperta di diritto sanitario, con particolare competenza in ambito di sanità digitale,

Ti potrebbe interessare anche...

1 / 1

Vuoi ricevere la newsletter informativa dello studio legale Stefanelli&Stefanelli?